Piano di Zona

Argomenti

Il Piano di Zona, introdotto con la legge quadro 328 del 2000, rappresenta lo strumento più innovativo nella realtà delle politiche e dei servizi sociali degli ultimi anni.

Lo stesso strumento della progettazione partecipata attraverso il Piano Sociale di Zona, viene ripreso e normato, a sua volta, anche dalla Legge Regionale n. 3 del 2008.

In particolare il Piano di zona è definito come lo strumento promosso dai diversi soggetti istituzionali e comunitari per:

  • analizzare i bisogni e i problemi della popolazione sotto il profilo qualitativo e quantitativo;
  • riconoscere e mobilitare le risorse professionali, personali, strutturali, economiche pubbliche/private e del volontariato;
  • definire obiettivi e priorità, nel triennio di durata del Piano attorno a cui finalizzare le risorse; individuare le unità d’offerta e le forme organizzative appropriate, nel rispetto dei vincoli normativi, delle specificità e delle caratteristiche proprie delle singole comunità   locali;
  • stabilire forme e modalità gestionali atte a garantire approcci integrati e interventi connotati in termini di efficacia, efficienza ed economicità;
  • prevedere sistemi, modalità, responsabilità e tempi per la verifica e la valutazione dei programmi e dei servizi.

 

Il Piano di Zona dell’Ambito di Valle Camonica per il triennio 2021-2023 intende ricomporre la frammentarietà territoriale, mettendo in campo la condivisione di otto traguardi, otto mete pensate per essere raggiunte insieme, attraverso un cammino d’impegno condiviso.

La definizione di questo documento di programmazione zonale è stata resa possibile grazie alla partecipazione di più attori del territorio e al loro sforzo collettivo, coordinato dall’Ufficio di Piano e messo a frutto all’interno del dialogo maturato nei 4 Laboratori di Governance.

Ultimo aggiornamento

01 June 2022